Talent Room

Talent room: Chiara Carrara racconta

Pubblicato il 07/01/2022

IMG-20210326-WA0211_polarr_3

Chi sono?

Nata nella tranquilla città di Cuneo nel 1999, dove ho frequentato il Liceo Artistico Ego Bianchi, ho
proseguito gli studi nel campo delle arti visive all’Accademia Novalia, diplomandomi recentemente in
pittura e illustrazione con un progetto personale di un albo illustrato (2021).

Il mio percorso

Tre anni fa ho deciso di continuare a studiare arte spinta unicamente dalla mia passione per il disegno,
senza alcuna idea di quello che sarebbe stato il mio percorso. A posteriori, posso dire che affrontare
numerosi corsi diversi (disegno, fumetto, animazione, pittura, illustrazione, computer art, fotografia…) mi
ha dato modo di acquisire un ampio ventaglio di abilità e di prendere consapevolezza dei miei punti di forza
e delle mie preferenze. Nei tre anni ho avuto modo di sperimentare tecniche tradizionali e non, seguita
direttamente dai docenti, grazie ai quali mi sono appassionata a materie che non avevo mai preso in
considerazione.

Aneddoto

Inizialmente volevo raccontare di una mia piccola vittoria, ovvero quando ì la mia illustrazione è stata scelta
come manifesto per il Savigliano Film Festival (2021) e come questo mi abbia dato modo di confrontarmi
con altre figure professionali. Poi, però, mi sono ricordata di quando a un esame di fumetto (materia che
per me è sempre stata abbastanza difficoltosa) la docente ha mostrato interesse per le mie tavole. Al primo
anno era stato l’esame peggiore, perché avevo un’idea stereotipata e vecchia del fumetto classico, che non
mi appassionava affatto…e ovviamente le mie tavole ne risentivano negativamente. Ma le decine di graphic
novel portate da Lorena Canottiere durante le lezioni mi hanno aiutata ad aprire gli occhi, dandomi molti
spunti e prospettive nuove. Non avevo mai provato a vedere il fumetto come strumento per raccontare
qualcosa di personale, o che mi interessasse davvero: è significativo perchè vale per tutte le altre materie,
bisogna trovare la propria voce guardando il lavoro di altri, studiando e curiosando.

Il mio futuro

Il mondo dell’arte è dinamico, libero e multiforme, mi piace l’illustrazione tanto quanto la pittura e non so
ancora quale sarà il mio percorso futuro, ma so con certezza di non voler perdere la passione per l’arte, in
qualsiasi forma essa si presenti.

Potrebbe interessarti...

Chiedi
Informazioni